Spalla. Artrosi della spalla. Protesi della spalla - Dott Giovanni Zambonin, ortopedico, Spalla, Ginocchio, anca

Vai ai contenuti

Menu principale:

La spalla

L'artosi della spalla

L'artrosi della spalla è caratterizzata dal consumo della cartilagine articolare e dalla deformità delle superfici articolari , che dunque non permettono una normale funzione dell'arto superiore con notevole dolore. La funzionalità articolare diventa limitata dal dolore e dagli ostacoli di natura meccanica che possono impedire lo svolgimento delle normali attività.

La terapia di questa patologia è chirurgica mediante l'impianto di protesi articolari.
Se i muscoli della cuffia dei rotatori sono sani, allora si può utilizzare una protesi di rivestimento. Per impiantare questo tipo di protesi, è sufficente eliminare con un apposito strumentario 2-3 millimetri di osso dalla testa omerale che vengono poi rimpiazzati da una protesi che letteralmente riveste la superfice ossea (Figura 1). I risultati di questo intervento sono ottimi in quanto il gesto chirurgico è veramente mini invasivo e mini lesivo e la spalla si muove grazie alla sua muscolatura che viene lasciata intatta.
Al contrario, nel caso in cui l'artrosi sia associata ad una lesione irriparabile dei muscoli della cuffia dei rotatori (Figura 2), si utilizza una protesi di spalla inversa. Grazie alla suo particolare disegno (Figura 3), questa permette di sopperire alla mancanza della muscolatura ottenendo un  recupero più che buono  del movimento, oltre che la scomparsa del dolore.

Figura 1

Figura 2

Figura 3

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu